Osservando il Brasile #98                                  giugno 2006

 

Cose di Favelado           parte 4

 

 

  

    Sorprende scoprire una forma di etica all'interno della favela,  o fra le varie favelas una sorta di fratellanza, di soccorso mutuo in caso di lotte intestine.  Bande amiche si prestano fucili, auto e soldati. Così come esiste un codice d'onore, reso necessario dall'essere un borgo discriminato all'interno di una metropoli fra le più belle e sovrappopolate del pianeta.

 

            Mentre osservo la destrezza con cui maneggiano le armi, togliendo e rimettendo la sicura, estraendo i caricatori, liberando l'otturatore, schizzando fuori la pallottola tracciante uno dei ragazzi mi chiede se gradisco un po' di coca... (...)

           

            Allertata dalle urla provenienti dalla strada, la banda si irrigidisce, poi reagisce d'istinto, sembra un fuoco che avvampa totale.  Un parapiglia in strada, sembrano due uomini alle mani.   E' uno scendere in massa urlando con le armi spianate, mentre io assisto dal posto di vedetta, con pistole dimenticate intorno a me... (..)

 

 Eccitati e nervosi, sembra che l'evento costituisca la eruzione naturale di una tensione accumulata nella lunga notte madida di rischio.

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

            Adesso gli danno fuoco, mi scopro a pensare. E io cosa faccio? (...)

 

Rispondi alla televisione italiana... !  Dico che c'é poca luce, e mi provvedono due accendini a illuminare il servizio.  Sorte vuole che il liquido sia acqua, per tenerlo sveglio e comprendere la punizione.   Ho la sensazione che non esista un giusto e un equilibrato, solo reazione, sopraffazione, opportunità per emulare un modello creatosi a poco a poco, disordinatamente arroccato nelle storie raccontate alle feste, nelle prigioni e nei cimiteri.

 

            Il peggio é passato, la turma moralizzatrice si é sfogata e riprende a vigilare, il nervosismo si indirizza sopra le case, dalle quali gli olheros lanceranno i bengala per segnalare l'ingresso di una squadra di polizia.

 

 

 

 

MAX

(Quarta parte -  segue...)

 

 

 

(il racconto non è integrale,

copyright © 2011 max bonaventura

chiunque volesse leggere la versione integrale, può farne richiesta all'email max.bonaventura su gmail.com)

 

 

Elenco Storie