Mappa del sito   .   Blog   .   Brasile    .   Vagabondaggio   .   Foto   .   Viaggi   .   Procedere a scatti    .  eBook   .   Contatti

 

 

 

HOME

 

 

09 febbraio 2002

Tempo Orizzontale e Tempo Verticale

 

    Un pensiero mi sorge prepotente: una volta avevamo più tempo per lasciar digerire i pensieri, le azioni, le opportunità.

 
    Oggi questo tempo ce l'hanno solo certe società economicamente più povere della nostra, che non si rendono conto di volerlo svendere in cambio del consumismo che ci invidiano.
 
    Il consumo del nostro tempo è diventato "verticale" come le torri di New York, ma non sembra che questo ci porti una felicità duratura. I giovani oggi impersonificano l'assenza di quella naturale "digestione" delle cose che rappresentava il tempo "orizzontale". 

    Eppure molti popoli del sud del mondo posseggono ancora la ricchezza del tempo.

    Basta recarsi all'estero, in uno dei paesi che definiamo "poveri", per rendersi conto che quella rilassatezza del comportamento, quell'ozio apparente, quella sfaccendaggine che a noi turisti frettolosi dà tanto fastidio è parte integrante della loro natura di vivere. Forse, riandando al passato, ci viene il dubbio che un comportamento così tranquillo sia più consono all'essere umano. Certo noi abbiamo creato la fretta per velocizzare consumi e guadagni, Certo oggi facciamo più cose in una settimana o un giorno di quanto ne facevano i nostri nonni cinquant'anni fa... Eppure quelle facce sdentate e sorridenti, quegli sguardi privi di aggressività e di ansia, quei lunghi rituali del tè, del gioco, della trattativa interminabile, quella siesta contemplativa, quei respiri che ondeggiano lenti come le dune dei deserti...

 
    Solo i ricchi possono a volte permettersi di riappropriarsi di piccoli spazi orizzontali, di tempo e di ritmi orizzontali. Io stesso, lavorando in proprio, noto di avere un respiro troppo contratto. 
 
    Una società così organizzata inevitabilmente produce i mille problemi di convivenza, di insoddisfazione e di stress che ripercuotono gli individui stessi.
 
    Una società così organizzata non può reggere a lungo, indipendentemente dalle aspirine ingerite...
 
    Voi che ne pensate?
 
Maxxx