L'Osservatorio # 30 - I messaggi della vita

 

 

   Ci domandiamo spesso, di fronte alla morte di un amico o di un conoscente, se noi abbiamo fatto tutto il possibile affinchè questa morte non risultasse inutile. E parlo di una vastità di sentimenti frastagliati e diversi tra loro che comprendono l'affetto, l'attenzione, la disponibilità, la comprensione che potrebbero aver posto un chicco in più nel piatto di una bilancia che oramai ci appare irrimediabilmente rovesciata.

    Ci rimane da domandarci, nei giorni, mesi o anni che seguiranno, anche sospinti e frustati da nuovi stop imposti al frenetico dormire in vita, se noi facciamo effettivamente qualcosa che renda meno ansiose queste nostre domande. Se cioè viviamo pienamente questa avventura spesso imprevedibile, se percorriamo coscienti ed entusiasti i sentieri vecchi e nuovi che essa consente di intraprendere, se percepiamo con emozione sempre nuova la presenza della luce che ne illumina i passi, consci che inattesa essa potrebbe spegnersi...

 

(arrivederci Giorgio)

 

 

 

 

 

MAXXX   mabonave@tin.it

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                      

 

 

P.S.: Would you like to translate this letter? Try this ! : http://babel.altavista.com/translate.dyn 

                                                                                                                                                                       

 

    Se volete essere tolti dalla mia mailing-list, rispondetemi scrivendomi: CANCELLAMI.

    Se avete qualche amico a cui pensate faccia piacere ricevere queste dissacranti e disarticolate riflessioni, inviategli copia di questa NEWSLETTER, pregandolo di rispondermi: AGGIUNGIMI.   Così saremo sempre più numerosi...

 

 

La presente news-letter non intendere vendere nulla, né essere informazione professionale, suggerimento o indirizzo alcuno. I riceventi si reputano maggiorenni e vaccinati e la leggono come passatempo, esercitando dentro se stessi o verso l'emittente doveroso esercizio di critica.

 

N.B.: Per la legge del Copywright sulle opere musicali, letterarie e d'ingegno, il presente testo può essere riprodotto solo integralmente, senza tagli o aggiunte e sempre citandone la fonte.