Mappa del sito      .        Brasile        .         Blog       .        Vagabondaggio        .        Foto        .      Viaggi        .       Bibliografia       .        About         .        Contatti        .        Archivi fb          

 

HOME

 

 

 

Rio de Janeiro

 Nordeste

Salvador

 

Suggerimenti

Salute

Sesso e salute

Foto Brasile

 

sesso a  Rio

                       

 

                            

  

 

F

 

 

 

bLOg mAx

 

  

Far Nordest

 


 

 

Sembrava il far West. Alla mattina il sole era allo zenith, due ceffi entrano al mini market del Formigueiro e si aggirano fra gli scaffali, gettando occhiate di controllo sugli avventori. Ad un certo punto si fanno avanti e sollevando la maglietta mostrano alla cassiera la pistola alla cintura. Questo è un assalto, sussurrano controllati. 

 Pareva di essere a Mezzogiorno di Fuoco di John Ford. Il figlio se ne stava seduto fuori ad ammirare la moto, intrepido John Waine col bonè calato sugli occhi. Lo hanno chiamato dentro e lui si è presentato ignaro. Ripetuto il rituale intimo per la seconda volta, gli occhi del poveretto sgranati, han sospinto gli astanti nello sgabuzzino in fondo e si sono fatti consegnare quello che c'era. Cellulari ed anelli di matrimonio, soldi della cassa e meno male che il Formigueiro non nascondeva del pregiato caviale beluga.

 La giovane Nizia che era fra i clienti ha passato un terribile quarto d'ora: le hanno sottratto l'anello di fidanzamento e adesso si sente moralmente libera di andare con chiunque. Alla fine si sono fatti consegnare le chiavi della moto del figlio del proprietario e se la sono data. La polizia prontamente chiamata ha ascoltato con malcelata noia la descrizione dell'accaduto e ancora oggi è criticata per non aver fatto praticamente nulla. Certo, qui strepitano e inveiscono contro gli organi preposti, nella rappresentazione dello sport nazionale più amato: la fofoca, farsi i fatti degli altri. Ma che pretendono, lo sgommo degli pneumatici sulla sabbia?  E' come dire la propria su un personaggio della telenovela: la trama è già prevista.

 Peccato per la moto. Grazie alla solerte intercessione di Maxsuel ero entrato nelle grazie del figlio e stavo trattando per noleggiarla per un paio di settimane. Ma pazienza, continuerò a pedalare sulla bici imprestatami gentilmente da Veronica, scrostata e del color del cielo.

 Il fattaccio si inserisce nella recente recrudescenza di delitti e misfatti che stanno perturbando l'aria felice di Sibauma. E io che non avevo ancora tirato fuori il mio bagnosciuma-porta -cellulare, a celarsi dai malintenzionati...

A quanto mi dicevano stava iniziando solo qualche raro furto di materiale edile nei cantieri, ma tre giorni fa hanno preso il ladro, era il guardiano di uno dei terreni, quello degli italiani che è vicino alla mia pousada.

 

 

 

 

 

Enrico è oceanografo e Paola lavora come segretaria di produzione alla Rai, ma hanno deciso di mollare tutto per venire a stabilirsi qui, nel loro cuccio di manghi e palme. Ho subito inviato loro in Italia una relazione sulla novità. Sembra che l'uomo fregasse le cose ai vicini e le nascondesse nel loro terreno, poi nottetempo le trasportava bellamente a casa propria. Solo che poi andava in giro a proporre la roba rubata. A un'altra amica, Corinne, voleva rifilare una bella tavola in bambù e cristallo di ben tre metri, ma senza le sedie. Lei si è insospettita. Quando la proprietaria della tavola rubata ha saputo che girava questa offerta sul, diciamo, ebay della sabbia, le ha domandato com'era e alla fine hanno denunciato l'uomo. Che secondo il rituale corrente si è sciolto in lacrime domandando che non lo rovinassero, la sua povera famiglia doveva mangiare, etc... vi risparmio la pantomima.

La forza pubblica con un blitz degno di Starsky e Hutch l'ha portato via in manette e a casa sua han trovato frighi, pompe d'acqua, piastrelle appartenenti ai suoi vicini.

 Ma la provvidenza in Brasile è grande. Il sindaco, per ingraziarsi un elettore, ha prodotto una lettera in cui dichiara che il ladro Felipe è debole di mente. Morale della favola oggi è di nuovo lì nel terreno di Enrico e Paola a innaffiare i manghi...

Preso e rilasciato Felipe, la quiete sembrava tornata padrona, sebbene nulla si può dire della fofoca che cova dietro le mura scarsamente illuminate delle case del circondario. Il povoado continua a sedere fuori della porta di casa direttamente in strada, a controllare chi passa e chi va, gli sconosciuti a piedi o in bici, ad una tua occhiata continuano a salutarti con rispetto. Ma ormai è una calma apparente.

 Non hai finito di impostare la prima pagina dei pettegolezzi che già qualcosa viene a turbare l'ordine appena digerito. Alle nove di stamani hanno trovato morto il verdureiro alla stazione di servizio. Circola voce che fosse uso rifornire le signore della zona, lasciando un corno in omaggio ai mariti.

Per tutta la giornata al romantico laghetto di Vila Flor ronzavano le dolci note della musisca brega, popolare litania nordestina che canta di infedeltà coniugali. Generosi tributo o qualche rimpianto?

 

Alla fofoca l'ardua sentenza...

 

maxb - 12 gen 010

 


 

°°°o0§0o°°°

 
 

 

 

Una Risata

 

 

 

 

°°°o0§0o°°°

 

 

 

 

 

 

 

  Max Bonaventura       .     Brasile     .      Blog     .      Footage   .     Marocco       .     Interviste     .     Foto       .    Europa      .     Bibliografia      .        Contatti   .     Mappa del sito