Mappa del sito   .    Blog   .   Brasile    .   Vagabondaggio   .   Foto   .   Viaggi   .   Procedere a scatti    .  Libri   .   Contatti

 

HOME

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

sAlta al blOg

 

 

 

 

                       

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

viaggi  - Asia 5 Vietnam

 

 

Profferte e conti della serva

 

facile confondersi con i tagli da 10 mila e 100 mila (equivalenti a  0,5 e 5 dollari)

 

 

     A Ho CHi Minh City fervono i preparativi per il nuovo anno vietnamita, il Tết. Le bancarelle vendono fuochi artificiali, girandole, maschere, nastri, cartoncini rossi con preghiere augurali stampate in oro.

    Dopo tanta cucina indigena, voglio fare un confronto, e cedo all'offerta di un moderno caffè-lunch. Scelgo un caffè con crema shake gelata e pezzetti di caramello, 55 mila dong (2,55 dollari pari a un buon pasto completo di bibita in strada), il bar sembra un clone di Starbucks, fai la tua fila alla cassa e ti consegnano un affarino elettronico che si accende non appena la tua ordinazione è pronta e con quello vai a ritirarla. Wifi ovunque, anche se non velocissimo, dato che ogni cliente è chino sul suo cellulare o pad. Le catene di questi locali hanno simboli rubati ai concorrenti internazionali più blasonati, prova che la rincorsa verso il consumismo, nonostante le critiche e i distinguo, porta tutti verso le stese chine.

 

la tua prenotazione si accende quando il tuo ordine è pronto

 

    In strada compro una camicetta a 60 mila, quindi tre dollari, riso e shrimp alla sagra dei fiori 40 mila, con succo di arance verdi e dragon fruit. Ovviamente nessuno parla inglese, non capiscono le parole base. Occorre fare le faccine e spiegarsi a gesti anche per avere un cucchiaio, e ridere sempre coraggiosamente. Ti guardano e ridono e fuggono dall’amica, che si avvicina e ti parla in viet, poi ci scambiamo il saluto bạn chào, ride anche lei, ma è meno timida. Uats mai neim? Max, Yours? Quyen, che significa uccello. Uhmmm, un sospetto serpeggia subdolo… Puoi fare amicizia, invitarla a fare una passeggiata al parco fra i fiori di ciliegio di seta, domandarti se è vera o finta, intubata in quel vestitino a confetto che sembra una fidanzata in visita alla tua famiglia.

la bontà dei cibi rende superflua ogni comunicazione

 

Fare foto è semplice, nessuno reclama anche se li prendi di sorpresa, anzi ti dicono grazie, sembra che pensino di finire tutti su National Geographic, anzi diciamo facebook che così lo conoscono. Almeno questo è meno stressante. Solo certe cose, quelle private, non le puoi riprendere, il gioco d’azzardo, le facce delle prostitute che ti lanciano i loro richiami da sirena con le adenoidi. Allòo, Uont massaaage…?

La notte una birra Saigon da mezzo è 12.000 vt, cioè 0,60 usd, che in sostanza da 0,45 euro. Siamo veramente ai minimi della spesa. Ciò non mi esime dal fare una figura da barbone con le patatine dei miei vicini asiatici, probabilmente di Taiwan o Jappone chissà, a struscio di seggiola. Me le aveva offerte la ragazza, ma io avevo rifiutato “polite”, come quello che non ha fame, grazie. Sorridiamo e ci scambiamo foto e alzate di sopraccigli, siamo gomito a gomito con le seggioline di un altro migliaio di umanità mista, certamente euro-americ-ocean-asiatici. Una scolaresca di bambini accovacciati su sgabelli di plastica bisunti che guardano dall’altra parte del vicolo, due metri di fronte a te, un altro migliaio di stronzi, specchio del medesimo ignoto destino. Quando i miei vicini di coscia se ne vanno lasciando lì le patatine, ho cominciato a piluccarne una, poi due, poi alla fine visto che era una porzione ancora intatta, mi sono impossessato del vassoio e me lo sono messo sul mio sgabello e ne ho mangiate ancora. Dopo due minuti ritornano… Ohi- ohi, mi sono sentito un barbone. Ho fatto la faccia come per dire, beh scusate, ve ne eravate andati, allora ne ho approfittato… La faccia di lei non sorrideva più molto, era come quella di una che pensa, ma questi westerns sono dei morti di fame, la crisi in europa deve essere grande…

 

fiume di backpakers e birra a Pham Ngu Lao

 

    Poi, visto che non avevo mangiato altro - certo, ogni tanto non ho fame e cerco di vedere con quanto poco sopravvivo - ho litigato con un venditore di pannocchia abbrustolita che mi ha dato il resto sbagliato, cercando di fare il furbo. Voleva farmela pagare 35 centesimi di dollaro invece che 25. Io 8 centesimi di euro non me li faccio fregar dal primo vietnamita che passa...

    Spiegagli tu al supermercato dove trovo la lozione anti zanzare. No, non cerco protettore solare, no sapone da bagno, e poi che ridere fare la faccia della zanzara, il pungiglione, le ali che volano. Credo che stessero raccattando pubblico per il mio spettacolo. La nostra corsia iniziava a gremirsi di clienti e giovani funzionari. Mi è toccato fare un disegno sul cellulare e tenere un corso a sei persone. Alla fine qualcosa ha dato il suo esito e una ragazza più intelligente degli altri si è illuminata. “Ahhh! chống muỗi kem dưỡng daaa…!!!” E mi traghetta allo scaffale corretto. Nhờ, cioè grazie, ci voleva tanto?

Almeno, a differenza del Sudamerica, non sono gelosi della privacy, non chiedono un soldo come nei paesi arabi, le foto se le lasciano fare contenti, ti senti veramente più cinese tu dei cinesi da noi che vedevano tutto attraverso l’obiettivo.

    24 gennaio, stamattina cambio hotel pur il più recente Kim2, e nella prima passeggiata perdo o mi rubano la custodia con macchina fotografica. Poco prima avevo scattato una foto, due minuti dopo metto la mano al fianco e il nocciolo non c'è più. Delusione. Poco male, pochi scatti, buona l'abitudine quella di scaricarla ogni giorno nel pc. Ma da questo istante riesco a notare la morbosa attenzione di tutti per il mio voluminoso marsupio, gli occhi che indugiano vogliosi. Grandi e piccini inseguono persistenti chi ha lineamenti occidentali, a caccia di un qualche risultato.

bambini fuori di un'agenzia in attesa di questua

 

    In un garage campeggiano Mercedes enormi, Audi 8, Maserati e due Bentley. Non sono il frutto di sudato lavoro, ma della corruzione.

    Alcuni locali devono essere di italiani, perché pubblicizzano lasagne, spaghetti e pizza, con bandiera tricolore. Se vedi un cartello in Vietnam con su scritto pizza pasta riso penne lasagne ravioli a caratteri cubitali che fai? A Saigon alla fine ti ci fiondi. Almeno sperando di trovare un po’ di protezione.  Un ragazzo lustra scarpe mi rimettere a nuovo le Osklen già provate dalla recente avventura in Tunisia, facendole ridiventare bianche e incollando perfino i bordi sorridenti. Tutto per un dollaro, anche se alla fine, tra mille sorrisi, ne vuole due. Ecco, per quanto ti sforzi non riesci mai a tenere fede agli accordi.

 

il rito della pulizia delle scarpe

    Alla fin fine non è che resti molto da fare a uno che vuole celarsi dietro il proprio sguardo: una birra sul poggiolo che domina un incrocio, osservando il viavai di gente abbracciata in motorino, o le donne sedute sul marciapiede con la zuppa in mano, poi una cena viet suggerita da tripadvidor, con polpette di porco marinate alla citronella, verdure e linguine di riso fatte in casa: 3, 25 dollari.

    Domani si parte per il Mekong River attraversando il float market, direzione Cambogia.

 

gennaio - aprile 2014

 

5 - continua su :  Rotta sul Mekong : il Bel Danubio giallo

 

qui l'inizio del reportage    Asia 1 - Istanbul

 

  Turchia - Istanbul   Vietnam - Saigon province - Ho Chi Minh City -  Mekong River
  Cambodia - Phnom Penh - Siem Reap - Angkor Temples - Prahear province   Laos - Vientiane - Luang Prabang
  Bangkok - Chiang Mai - Koh Larn - Pattaya   Malesia - Kuala Lumpur

20 - Thai Suggerimenti per Bangkok e Chiang Mai

 

Visitare Marrakech

 

 

 

 

 

 

  Asia 1   -   Istanbul, porta d'Oriente

  2 - Vietnam: cappelli a cono e voglia di dollari

  3 - Vietnam : sorrisi e mine anti-bambino

  4 - Indocina Mon amour e disfatte coloniali

  5 - Vietnam  :   profferte e conti della serva

  6 - Mekong  :   il Bel Danubio giallo

  7 - Cambodia : corruzione a Phnom Penh

  8 - Phnom Penh : le gioie del woterfront

  9 - Cambodia: non mi fregare, monaco!

  10 - Cambodia: pallottole benedette

  11 - Siem Reap   :    Pub Street

  12 - Laos   :    Luang Prabang

  13 - Thai   :   Chiang Mai

  14 - Thai  :  Bangkok

  15 - Thai  .  Pattaya

  16 - El Nido : Le spiagge filippine

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Viaggio nei 60 paesi