Mappa del sito   .    Blog   .   Brasile    .   Vagabondaggio   .   Foto   .   Viaggi   .   Procedere a scatti    .  Libri   .   Contatti

 
 

HOME

 

 

 

 

ORA IN EBOOK

 

 

 

 

viaggiare  sicuri

 

Qi quotidianoitalia

Prostituzione Primo Wrestling del mondo

 

Guía turistica

 

 
 

 

  e-B o o k    e    l i b r i

 

Recensioni senza riverenze

 

Godimento altrimenti

Cosa genera piacere nella lettura?

Il riconoscimento di una esperienza simile, la disclosure di un bagliore atteso, la sorprendente sfida dell'emozione osservata dagli altri sensi, l’imprevista sterzata di una abitudine? Tutti effetti pirotecnici interiori, alimentati da una chimica presente, solleticata da strumentazioni in possesso del corpo a quella data, da elementi distillati dal tempo a quella data. Siamo, in sintesi, lo specchio di ciò che siamo.

Cosa genera il piacere nella droga?

La sensazione di perdersi in un mondo che altrimenti non sapremmo trovare, la percezione di potere inebriante che non abbiamo normalmente, la moltiplicazione di forze e sensazioni che non sapremmo come costruire altrimenti.

Eravamo affacciati ad una alternativa pericolosa, oggi ci siamo caduti dentro. La dimestichezza coi prodotti esteriori al nostro controllo si è sostituita all’esperienza critica, al procedere montanaro della passeggiata interiore. L’avidità del conseguire repentino ci è in sovrannumero, per mancanza di esempi alternativi, di onestà lineari, per concorso di avidità economiche, di dominio populista. Anche lo strumentalizzare l’energia insoddisfatta, concentrandola su battaglie mirate, ha lo scopo di compattare un’ondata. E’ il segreto ennesimo di Sun Tze. Occorre un dna forte per non affogare in questa piacevole sveltina morale. O forse fortuna. O disciplina. O privilegio intellettuale, per ricordare che il compito di una intelligenza è scostarsi dall’ondata di invettiva concorde, uscire dal coro entusiasta.

Generare piacere ha a che fare con l’evitare ogni facile godimento.

L’errore di una droga di credersi migliore dell’oppio.

 

 

 

Le mie letture 2020 -  (2)

 

 

Ishmael Beah - Memorie di un soldato bambino

voto : 8 1/2  

Lucido come può essere una guerra tra le forze rivoluzionarie che incendiano i villaggi inermi, trucidano gli abitanti, rubano i viveri e ridono dandosi il cinque e le forze governative che danno in mano a bambini di nove e tredici anni un Kalashnikov e li imbottiscono di cocaina e marijuana e pillole di anfetamine  e gli fanno guardare tutto il giorno i film di Rambo e li addestrano contro caschi di banane pensando di vendicare i villaggi bruciati, i familiari violentati e uccisi. Lucide come le notti passate senza dormire, con gli occhi rossi, la testa che scoppia e la volontà di uccidere. E intorno le nuvole, la pioggia, la foresta, il sole che martella, l'arte di arrangiarsi a rubare sempre qualcosa in ogni occasione, con l'autorità delle armi.

 

Susanna Bonaventura e Giancarlo Grilli - I delitti di Villa Salus

voto : 8 

Interessante esercizio in tandem. L'investigatore privato ridotto a degente insofferente, un Hercule Poirot de noantri e l'amica di mezzetà lacerata fra sostegno e impazienza, una sorta di Miss Marple stressata dal lavoro in banca. I due autori incarnano figure ovviamente più moderne e leggere degli archetipi storici blasonati, ma alla fine riescono ugualmente a svelare l'arcano e ad esprimere l'universale rivolta dei curiosi, che vogliono a tutti i costi opporsi a ciò che increspa la routine della sopravvivenza, in una corsia d'ospedale che sembra fare concorrenza a un cimitero. In questo, pur sacrificando l'approfondimento psicologico a favore di un riuscito battibecco fra autori, il romanzo a due voci, ambientato nella campagna veneta, riesce ad inserirsi nel novero dei gialli italiani, alternando ironia e punte noire. Un modo per sentirsi all'altezza della propria irreprimibile curiosità, in un mondo sempre e comunque pervaso da spavaldi incompetenti, infelici paranoici e vittime sacrificali.

 

 

 

 

 

Leggere è come pilotare un’auto: i due punti sono un segnale a scalare, li vedi arrivare e premi la frizione, giusto per dare una pausa ai concetti, cambi marcia approntandoti ad affrontare una nuova salita narrativa, una cambio, una curva…

 

La vocazione letteraria è una dedizione esclusiva, servitù liberamente scelta, una priorità che assorbe e muta la vita delle sue vittime felici, trasformandole in schiavi.

 

 

in coda di lettura    

 

 

Le sette dinastie - Matteo Strukul

Giocatori - Don Delillo

Il nero dell'arcobaleno - Peter Blauner

Avana reqiuem - Vladimir Hernandez

Le ombre bianche - Ennio Flaiano

Corri, coniglio - John Updike

 

 

Art of Hustling

Per chi ama il Brasile a tinte forti, fuori dai luoghi comuni turistici

    

LA CARNE FRESCA  

ORA IN EBOOK

SU IBS, AMAZON, La FELTRINELLI

http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=688631

 

Storie narrate;

  - Sotto protezione di Zé Pilintra, storie di religione e macumba

  - Serata danzante alla Feira do Paraiba

  - Se in favela piovono paracadutisti

  - La coperta birichina, trasgressione in autobus

  - Abitudini del gusto, il bandito che si fece prendere per la gola

  - La carne fresca, minorenni alla caccia del gringo

  - Uomo in mare, perdersi fra le onde del Nordeste

  - Fuga verso la libertà, nascere viado nei sobborghi brasiliani

  - L’arte del raggiro, turisti a caccia di gnocca tornano col bernoccolo

  - “Vale Tudo”, a Carnevale, pazzie e libertà senza rete

  - L’orologiaio, storia di una adozione complicata

 - Rivendicazioni con stupro, non è tutto oro ciò è indio

 - Pelle a vista, tatuaggi come vestiti

 - Il pau-brasil non si estinguerà mai, quando anche le donne fanno turismo sessuale

 - Film di strada, arrangiarsi senza padre

 - Solo di rado, il mondo grigio intorno alle azioni umanitarie

 - I confini del regno, invito a cena con pistola

 - Chi lavora, il ciel l’aiuta, sopravvivere con simpatia

 - Universo parallelo, le favelas di Salvador de Bahia

 - Colpevole innocenza, assalto di strada e cultura dell'approfittare

 

Dopo Paraiso do Pecado, ecco il secondo appuntamento letterario di Barkus, nomignolo sotto il quale si cela un ex imprenditore del nordest italiano, che ha lasciato i suoi obblighi responsabili e pacifici per dedicarsi alla rincorsa di un mondo non facile, devastato da miserie e fame rapace. Avventure e personaggi a sud del mondo, in una raccolta di racconti già usciti sulla testata online musibrasil.net che descrivono i colori della strada al dilà dei facili luoghi comuni della retorica del turismo di massa.      

(vedi qui)

sinossi

 

archivio del vagabondaggio interiore

 

il mio buio      le mie teorie      il mio credo

ponte sospeso    memoria dei sogni    sangui diversi

nominare non è invano     terra in vista      invasioni e urla

pugni generazionali      nobili batteri      confine      sciare a sud

 

 

 
 

 

 

 

 

 

letture del 2019

letture del 2018

letture del 2017

letture del 2016

letture del 2015 

letture del 2014 

letture  2002-13

eBooks dove

stimoli e libri

archivio del vagabondaggio

 

accettare il suono

atomi

viaggiare dentro e fuori

bruciore spirituale

dolore energetico

vista preesistente

pugni generazionali

nobili batteri

confine

il mio buio

sciare a sud

sangui diversi

ponte sospeso

memoria dei sogni

emozioni collettive

nominare non è invano

terra in vista

invasioni e urla

stimoli e libri

 

 

 

 

 

 

 

 

Blog 2012

Blog Braz 11

Blog Braz 10

Blog Braz 09

Blog Braz 08

Blog Braz 07

Blog Braz 06

 

 

 

 

 

 

Lo scrittore, come artista e come creativo, ha il diritto e il dovere di essere presente nella realtà con il suo punto di vista, di esporlo e di imporlo senza compromessi.

°
 

 

 

 

Una Risata

 

 

°°°o0§0o°°°

 

About

 

 

 

°°°o0§0o°°°