Brasile    .       Rio     .     Salvador      .      Nordeste     .    Blog    .   Commenti sul Brasile    .    Chi siamo     .     Foto     .     Mappa del sito 

 

HOME

 

 

 

Rio de Janeiro

 Nordeste

Salvador

 

Suggerimenti

Salute

Sesso e salute

 

 

 

 

 

CiaoBrasile

 

 

 

 

 

Nordeste

 Istruzioni per l'uso

salute Istruzione religione

visti acquisti sensualità

 

Rio de Janeiro

Flamengo

Natal

Salvador

 

 

 

Rio Grande do Norte

 

E' uno dei 26 stati della Repubblica Federale del Brasile, localizzato nella Regione Nordeste.

Territorio: 52.800 kmq (come Lombardia + Piemonte + Valle d'Aosta)

Popolazione: 3,5 milioni di abitanti

Capitale: Natal

 HDI (Human Development Index, calcolato sui tre parametri: aspettativa di vita, grado di istruzione, potere d'acquisto) a Natal: 0,790  (Italia: 0,950, Albania e Brasile: 0,820)

L'HDI scende intorno a 0,520 (un po' piú basso del Bangladesh) nell'area della costa in cui ci troviamo che si estende per circa 150 km, a sud della capitale, fino al confine con lo stato della Paraiba.

 

E 'um dos 26 estados da República Federativa do Brasil, localizada no nordeste.

Território: 52.800 km ² (como a Lombardia + + Piemonte Valle d'Aosta)

População: 3,5 milhão
Capital: Natal

IDH (Índice de Desenvolvimento Humano, calculado em três parâmetros: a expectativa de vida, nível educacional, poder de compra) em Natal: 0,790 (Itália: 0,950, Albânia e Brasil: 0,820)
O IDH cai em torno de 0,520 (a mais baixa um pouco "de Bangladesh), na área da costa onde estamos ampliando para cerca de 150 km ao sul da capital até a fronteira com o estado da Paraíba.

 

          Costo della vita in Brasile

 

 

Avventure a Nordeste

Sentieri storici di Barra de Cunhaù

La lentezza sorniona delle dune

Ballo alla Festa Paraibana

Gli accoppiamenti retorici

Tassa edile sulle cadute

Parlare brasiliano facile

Birra gelata per tutti

La realtà del turismo sessuale

Potere d'acquisto brasiliano

Tutto sulla sicurezza

 

 

 

 

Una visita imperdibile: Barra do Cunhaù

 

 

Abbandonando la Br101 all'altezza di Canguaretama, nel tratto che da  Joao Pessoa dirige a Natal, una bella strada recentemente asfaltata ci conduce nel mezzo delle creazioni di Camarao, la coltura dei gamberetti che vengono esportati in tutto il mondo. Passate le antiche fazendas della canna da zucchero, costeggiando le acque del rio Cunhaù, all'improvviso lo spazio si apre alla visione del delta del fiume che si tuffa in mare. E' qui che si adagia Barra di Cunhaù, fra palme e lingue chiare di sabbia, strade di ciottoli o di terra rossa incorniciate dal verde abbraccio della natura, una area ancora nelle mani dei pescatori, solo recentemente scoperta dagli appassionati dello sport del kite surf.   

 

visita Barra do Cunhaù

 

 
 

 

Mascalzone latino

 

Siamo tutti sulla stessa barca noi "brasiliani", scappati di casa per rifugiarci qui o semplicemente compulsivamente dipendenti dallo sniffare la colla che ci tiene attaccati a questo Paese.

Viviamo tutti in questo sogno fatto di cielo, di orizzonti, di mare, di bagunça e dello stordimento di fronte a una realtà spesso inafferrabile per noi ordinati ragionierini europei.

Come tutto, anche questo ha un costo e a volte certi costi sono antipatici perché il conto non corrisponde al budget di investimento in fiducia che, nella nostra "ingenuità" di persone generalmente corrette, abbiamo concesso senza riserve.

Nei nostri racconti di vita vissuta non evitiamo di portare alla luce anche le esperienze negative, senza molte descrizioni che sarebbero soltanto polemica,  ma con dovizia di particolari su chi ha pensato che, siccome sei un gringo e non hai lo stile per aggiustare le cosa alla "brasiliana" o il tempo per portarlo davanti a un giudice, poteva approfittarne del tutto impunemente.

E lo ha fatto senza conseguenze.

 

 
 

 

Come ci vedono

        La camminata degli italiani richiama la fretta, i negri americani sembrano ballare. I brasiliani invitano a scopare.  Anche attraverso le parolacce si riconosce una società. Da noi si inveisce frustrati contro la deità soverchiante, in Brasile si usano solo attributi sessuali. Un popolo adolescente in bilico fra liberalità e invidia, tutto disperso nella pretesa di un riconoscimento.  Si capisce che non si curano della vita che passa, lo sguardo dedito alle sensazioni che scorrono.  Un sesso praticato in maniera promiscua e liberale, con mogli, amiche e amici degli amici, oltreché facilmente con persone appena conosciute.  Per un carioca é un piacere frequente, come bere una birra in compagnia o giocare a palla sulla spiaggia. Non é ancora vittima della vergogna tipica della morale europea. Il sesso  è un’esperienza culinaria e ha più a che fare con la gola che con i sensi. Far l’amore è come cibarsi dell’indispensabile e nell’abbondanza locale il languorino è a tutte le ore. L’economia si adegua, erigendo Motel a ore usati anche da coppie normali come  momento per festeggiare un anniversario. Giochini, specchi e cavallucci che si dimenano fra dolcetti e spumanti. Si prenotano stanze per festeggiare un anniversario di matrimonio, con la stessa tranquillità che da noi si compra una torta gelato. Una eco tropicale della creatività boccaccesca, diffusa in inevitabili varianti di classe.  Sembra che la polizia abbia catturato una banda specializzata in assalti alle farmacie che si faceva chiamare “la banda del Viagra”. Il rimedio contro l’impotenza è ricercato dai banditi a causa del suo prezzo elevato e della sua alta richiesta. I trafficanti smerciano migliaia di pastiglie blu e finiscono per farne uso solo per la soddisfazione legata al possesso, anche se preferiscono la versione Cialis, che permette di prolungare il trastullo fino a 36 ore.

 

 

 

Attenzione all'arte del raggiro

 

 

 

max.bonaventura@gmail.com

 

 

 

notizie d'archivio:

Mappa del Sito

 

 

           Brasile    .     Salute    .        Rio     .     Salvador      .      Nordeste     .    Blog    .   Commenti sul Brasile    .    Chi siamo     .     Foto     .     Mappa del sito