Brasile     .      Salute     .     Nordeste      .      Rio      .      Blog     .     Commenti sul Brasile     .        Chi siamo     .       Foto     .     Mappa del sito

 

HOME

 

 

 

Rio de Janeiro

 Nordeste

Salvador

visti

 

Suggerimenti

Salute

Sesso e salute

Foto Brasile

 

 

 

Domaine do Tamarindo

 

 

 

 

 

 

 

 

         

 

 

 

l ' U l t i m ' O r a

cronache della guerra a Rio

 

 

 

armi e assalti di strada

 

100 telecamere

1000 agenti

Gps, moto, cani

10 mesi di occupazione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

forza militare di pacificazione in favela

 

 

 

 

 

 

 

 

 

incursione della polizia investigativa

 

 

 

 

 

 

carri della polizia militare

 

 

 

 

 

 

piscina di un boss


non solo a Rio

Parigi: aggredito dirigente Barilla, è grave

Colpito con martellate al volto da due sedicenni che gli hanno rubato il portafoglio

PARIS - 3 giugno 2011 - Un giovane francese responsabile vendite d'area della Barilla è stato aggredito nella notte a Parigi da due sedicenni, che gli hanno rubato il portafoglio dopo averlo colpito con martellate al volto. Lo si è appreso da fonti della polizia francese. L'uomo è ricoverato in ospedale con prognosi riservata. L'aggressione è avvenuta in avenue de Taillebourg, vicino a Place de la Nation. Secondo gli accertamenti, i due ragazzi - subito arrestati - hanno rubato il portafogli, che conteneva una somma di denaro «non importante».


Dieci mesi di video e  Pacificazione

RIO - 20 settembre 2012.

Alla fine arriveranno anche le telecamere del controllo virtuale: addirittura 100, per tenere d'occhio assieme ai militari motorizzati e ai localizzatori Gps, le viuzze nascoste della più grande favela del sudamerica. Nn era tanto semplice, e lo si sapeva.  

La pacificazione della favela Rocinha, coi suoi 150 mila abitanti, da parte delle forze di polizia dell'UPP, 28a favela in ordine di tempo, dura però ormai da oltre dieci difficili mesi.

Periodo durante il quale sono stati impiegati oltre 700 agenti della polizia, delle forze nere del Bope, delle forze armate di Scontro, del battaglione di azioni cinofile e dell'esercito, e che ha visto la morte di due membri delle forze dell'ordine e di un capo della comunità degli abitanti.

Un padre di famiglia ha addirittura denunciato il proprio figlio come responsabile di uno degli omicidi, segno che dalla strada della normalizzazione non si tornerà indietro.

Basta con i banditi che camminano per le strade con le armi in pugno, basta con lo smercio di droghe a cielo aperto, sotto gli occhi dei bambini.

Il Mondiale di Calcio incombe, e Rio de Janeiro vuole essere presa d'assalto solo da milioni di turisti paganti.

Guardie, ladri e pallottole

RIO - 20 aprile 2012.

La pacificazione forzata della favela Rocinha, la più grande di Rio, con oltre duecentomila abitanti, appare meno tranquilla di quanto è avvenuto per le altre zone calde dell'area metropolitana. I trafficanti han giurato vendetta e per ben due volte hanno teso imboscate, prendendo a fucilate poliziotti che pattugliavano le strade già controllate dalla forza dell'ordine. Nonostante le perdite subite, il sindaco promette che non ci saranno ritardi nel progetto imposto dalla comunità internazionale a fronte dei prossimi appuntamenti sportivi.

 

Notizia storica (Dal forum Brasile 2014)

Dal prossimo mese di Aprile 2012, nello Stato di Bahia si potranno acquistare CON CARTA DI CREDITO prodotti di linea bianca (frigo, lavatrice, forno elettrico, ecc...ecc...) rateizzando fino a 200 volte (ossia, si paga in 16 anni).

La stessa cosa avverrá tra qualche mese, per i prodotti di linea marrone (televisione, stereo, mobili, computer, ecc...ecc...).

http://www.correio24horas.com.br/

noticias/detalhes/detalhes-1/artigo/cartao-que-oferece-parcelamento-em-200-vezes-inicia-operacao-na-bahia/

Non si capisce se sia una cosa buona o no. Una cosa é certa. É una novitá mondiale.


 

Rio - 8 aprile 2011.

Strage nella scuola

    Lo psicotico schizofrenico che ha ucciso tredici ragazze e ragazzi in una scuola della quale era ex alunno, a Realengo, nell’interiore di Rio de Janeiro, mostra nelle lettera lasciata una visione mistica perturbata, dividendo il mondo in puri ed impuri. Chiede che il suo corpo sia lavato e avvolto in un lenzuolo bianco che egli aveva già separato in una stanza chiusa della casa dove abitava. La spiegazione del fatto non può essere logica, ma solo psicopatologica.

 Probabilmente l’esplosione della malattia, quando è uscita per l’esterno, richiedeva il proprio sacrificio, doveva morire. L’obiettivo scelto faceva probabilmente parte del suo immaginario. Nella sua mente, le ragazze e i ragazzi scelti erano impuri. Fra le vittime sono state scelte in maggioranza ragazze.

Un ragazzo che era stato in contatto visivo con l’omicida, aveva pregato di non essere ucciso e il killer l’aveva tranquillizzato. Nessun tiro a caso, quindi, gli obiettivi erano riconoscibili: probabilmente nel vestire e nel comportamento. Tanto evidente anche per le strade del Brasile tutto,. Ragazzine adolescenti che mostrano parti del corpo come se fossero piccole modelle, atteggiamenti sessualmente consapevoli.

 

     

 

Viaggiare Sicuri

 

Segui la via breve: commenti e paradossi

"Punzecchiature"

°°°o0§0o°°°

 

 

 

°°°o0§0o°°°

 

 

 

 

 

 

  

     

 

 

 

 

 

 

max.bonaventura@gmail.com